Comune di Novi, seduta del consiglio dedicata al Bilancio

print

La seduta del Consiglio Comunale di Novi Ligure tenutasi ieri sera si è aperta con la relazione dell’Assessore al Bilancio, Maurizio Delfino, che ha illustrato in unico intervento i sei punti di natura contabile inseriti nell’ordine del giorno.

I primi tre riguardavano altrettante ratifiche di variazioni al bilancio 2021/2023. Nel dettaglio, la quarta variazione prevede essenzialmente il finanziamento del capitolo della previdenza integrativa per i Vigili urbani e il noleggio di due monta feretri per il servizio di tumulazione delle salme presso il cimitero comunale; la spesa totale, circa 34.000 euro, è finanziata con avanzo vincolato.

La quinta variazione comprende 75.000 euro per la manutenzione e sanificazione dei parchi cittadini e 50.000 euro per i centri estivi, sempre finanziati con avanzo vincolato, in attesa del trasferimento ministeriale, poi avvenuto.

Nella sesta variazione, quella più corposa, sono inseriti 50.000 euro per la ristrutturazione dei locali ex Bunet ai fini della realizzazione del laboratorio enogastronomico dell’Istituto Ciampini-Boccardo (finanziati per 30.000 euro con avanzo vincolato covid) e 355.000 euro per la sistemazione dell’impianto di sicurezza della Biblioteca Civica (finanziamento con contributi statali per 260.000 euro e per la restante parte con entrate per oneri di urbanizzazione e concessioni edilizie e applicazione di avanzo).

L’Assessore ha poi illustrato la revisione della composizione dell’avanzo di amministrazione 2020, delibera meramente formale di adeguamento contabile a seguito della certificazione del fondo funzioni fondamentali, con la quale sono stati svincolati 67.000 euro dall’avanzo vincolato, con incremento dell’avanzo libero disponibile 2020, che passa da 418.000 a 485.000 euro (a partita di avanzo complessivo).

La successiva delibera, quella dell’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione, ha ripreso il Dup già approvato dal Consiglio nel febbraio 2021 per apportare modifiche programmatiche sia alla sezione strategica che in quella operativa con riferimento, in particolare, alle variazioni contabili che sono state inserite nella manovra di assestamento e riequilibrio, ma anche a variazioni fatte in precedenza.

Infine, per la salvaguardia degli equilibri di bilancio e l’assestamento generale, l’Assessore Delfino ha sottolineato l’ottimo stato di salute del bilancio comunale che ha mantenuto l’equilibrio economico-finanziario, per la gestione di competenza, di cassa, sui residui. Pertanto non è necessaria nessuna manovra di bilancio per ripristinare gli equilibri. In generale il bilancio – ha spiegato Delfino – è un po’ appesantito da accantonamenti e mutui relativi agli anni precedenti (circa 8,6 milioni euro di mutui ancora da restituire – con incidenza annua di oltre 600.000 euro sul bilancio – 1.700.000 euro per accantonamenti CIT) ma fotografa una positiva situazione finanziaria.

Per quanto riguarda l’assestamento, l’Assessore ha spiegato che sono state recepite diverse variazioni di bilancio, alcune auto finanziate con entrate specifiche ed altre con mezzi di bilancio e applicazione avanzo per finanziare variazioni incrementative di spese ritenute indispensabili.

Tra le voci di spesa in parte capitale più significative rientrano gli interventi sulle strade, che aumentano di 115.000 euro, oltre ad altri 45.000 euro per manutenzioni, le risorse per acquistare un mezzo per la protezione civile (20.000 euro più altri 20.000 finanziati dalla Regione) e uno scuolabus (40.000 euro più altri 40.000 finanziati dalla Regione), l’acquisto di nuove telecamere per la videosorveglianza (20.000 euro), spese per attrezzature informatiche (circa 80.000 euro) e per attrezzature del centro fieristico (30.000 euro). Sono, inoltre, previsti 50.000 euro per la Fondazione Teatro Marenco e altri fondi per sport, turismo e cultura. Per quanto riguarda il sociale, particolarmente significativo il trasferimento al Csp di 130.000 euro. Di questi fondi, 100.000 euro saranno destinati per aiutare le famiglie colpite dal covid a pagare le utenze e 30.000 per progetti a favore di famiglie con persone disabili.

Al termine del dibattito, durante il quale sono stati approfonditi gli argomenti presentati dall’Assessore, si è proceduto alla votazione sui singoli provvedimenti.

I primi cinque punti hanno ottenuto la stessa votazione, vale a dire 7 voti favorevoli (maggioranza), 5 contrari (opposizione) e 3 astensioni (i Consiglieri Bertoli, Bonvini, Sabbadin). Per l’ultimo punto, ai 7 voti della maggioranza si è unito quello di Bertoli per un totale di 8 voti favorevoli, 5 contrari e 2 astensioni.