Fipe-Confcommercio Alessandria: “Martedì in piazza a Roma per chiedere al Governo certezze sulla ripartenza dei pubblici esercizi”

Martedì i rappresentanti dei pubblici esercizi Fipe Confcommercio di tutta Italia scenderanno in piazza a Roma per una protesta ordinata quanto decisa. E’stata infatti convocata una Assemblea Straordinaria per chiedere direttamente al governo, e alla politica in generale, un impegno preciso: una data della ripartenza e un piano per farlo in sicurezza.

A poco meno di 6 mesi dalla manifestazione #SiamoATerra che ha visto la partecipazione di migliaia di imprenditori in 24 diverse città italiane, tra cui Alessandria, Fipe-Confcommercio, Federazione italiana dei Pubblici Esercizi, torna in piazza per dare coralmente volto e voce all’esasperazione di un settore in ginocchio.

Mentre, ad ottobre, il disagio era stato espresso apparecchiando simbolicamente tavole vuote nelle piazze d’Italia, domani, sempre in piazzama a Roma, Fipe guiderà una forma di protesta ordinata e costruttiva, nella quale sono coinvolte le sigle di tutte le componenti dei pubblici esercizi: titolari di bar e ristoranti, ovviamente, ma anche il mondo del catering e del banqueting, la ristorazione commerciale e collettiva, le discoteche e le imprese dell’intrattenimento. Tutti insieme chiederanno al governo un programma per la riapertura definitiva delle loro attività, alcune delle quali chiuse da 14 mesi, e una data certa per avviarlo.

 Il passaggio da zona rossa ad arancione di oggi, che segna la riapertura di tutte le imprese del mondo del commercio al dettaglio, è per noi un segnale importante, che aspettiamo da tempo, ma non sufficiente. Perché all’appello manca la riapertura di tutto il settore dei Pubblici Esercizi.

Quindi dalla situazione di oggi ci auguriamo che non si torni mai più indietro (MAI PIU’ ZONE ROSSE) e, anzi, che si vada avanti in fretta definendo, il prima possibile, la data di riapertura anche dei locali.

L’unica via di uscita, per un settore che sta vivendo un dramma da più di un anno, è infatti ripartire, presto e in sicurezza. Per questo Fipe Confcommercio Alessandria si unisce all’iniziativa di protesta, aderendo, anche simbolicamente sul territorio locale, tramite la distribuzione a bar, ristoranti e pizzerie di vetrofanie che riportano la grafica e gli hashtag della campagna di comunicazione nazionale #vogliamofuturo e #riaperturesicure” dichiarano il presidente ed il direttore Confcommercio Alessandria Vittorio Ferrari e Alice Pedrazzi.

I dirigenti della Confcommercio locale fanno eco al presidente Fipe nazionale Lino Enrico Stoppani:Il combinato di incertezza e mancanza di prospettive fa male quasi più delle chiusure. La situazione è complessa, ma senza prospettive certe e credibili si finisce nel caos.”

 “Da mesi FIPE diffonde incessantemente la voce e i bisogni delle imprese del settore sui media, presso le istituzioni e sui territori – spiega Stoppani-. Sentiamo però la responsabilità di dare un segnale forte e pubblico davanti all’ultimo decreto del Governo che rinvia nuovamente la riapertura dei ristoranti e dei bar ad eventuali decisioni del Consiglio dei Ministri. Non si può continuare a lanciare la palla in avanti, perché le imprese non sono in un campo di gioco, ma in una palude, dove sprofondano ogni giorno di più, mentre gli indennizzi non bastano certamente a risollevarle. L’incertezza ha ormai un peso economico e psicologico insostenibile per decine di migliaia di imprese serie che hanno bisogno di programmare per tempo la loro attività. Possiamo riaprire ed assumerci l’impegno di farlo in sicurezza, tra distanziamenti e rafforzamento dei protocolli. Viceversa, senza prospettive certe e credibili e lo sforzo di costruire insieme una soluzione, si finisce nel caos.”

 Per ragioni di sicurezza, all’Assemblea parteciperà un rappresentante per ogni territorio, ma sarà possibile seguire in diretta streaming i lavori.