Logistica, Multiutility, ATC: per una volta solo bei voti! [Le pagelle di GZL]

Le Ferrovie dello Stato mettono in vendita gli scali merci di Alessandria e di Novi San Bovo CorriereAl 1di Graziella Zaccone Languzzi

 

 

1) Questa è una notizia di speranza e risale al 12 novembre: ma è tempo di ridarle visibilità: “Retroporti: il colosso di Singapore Psa vuole Alessandria. L’obiettivo è ridare vita allo scalo ex Mercitalia per incentivare il corridoio Genova-Alessandria”.
Un dossier sul retroporto di Genova individua Alessandria come città strategica per il progetto … si spera. Psa, leader a livello mondiale del settore decide di investire nella realizzazione del nuovo polo logistico. A seguire questa buona notizia cito l’articolo di Enrico Sozzetti pubblicato alcuni giorni dopo: “Alessandria, lo scalo ferroviario del retroporto e quello del ferroviere…” Sullo scalo ferroviario di Alessandria forse la svolta, dopo anni e anni di parole e progetti a vuoto, potrebbe essere davvero a portata di mano.
I due articoli vanno letti per intero. Nel frattempo esprimo un mio pensiero su questa opportunità per Alessandria dopo aver fatto una lunga chiacchierata con un ex quadro che ha lavorato per anni nei due impianti: Alessandria Centrale e Alessandria Smistamento. Faccio un sunto della chiacchierata: se l’accordo riuscisse sarebbe una cosa ottima per la città e per tutta la provincia. Sarebbe il coronamento di un sogno che da decenni sembra in grado di tramutarsi in realtà, e poi svanisce nel nulla. Se tutto ciò venisse fatto, Alessandria potrebbe ritornare ad essere uno scalo merci di grande importanza (nel passato anche a scuola ci insegnavano che era il secondo del nord Italia dopo Bologna), e contribuirebbe alla creazione di nuovi posti di lavoro. Ad “Alessandria Smistamento” con l’arrivo dei treni provenienti dai porti ci vorrebbe personale qualificato per le manovre, la composizione dei treni e la messa in stato di partenza degli stessi, dopo le varie verifiche tecniche. Visto che poi ad immettere sulle varie direttrici e far circolare i treni merci è la stazione di Alessandria Centrale, in contemporanea con i treni viaggiatori, anche in questo caso occorrerebbe più personale qualificato. Ma anche, per la sicurezza e regolarità di tutto il traffico ferroviario, servirebbero addetti agli Impianti Elettrici (IE), ma anche alla manutenzione delle linee ferrate (lavori). Come risultato finale avremmo crescita, sviluppo, occupazione, ma anche ulteriori controlli e sicurezza per le linee e per i viaggiatori. Alessandria da qualche parte dovrà pur ripartire, e il settore trasporti su rotaia può essere un ottimo inizio. Mia nonna mi diceva che “da cosa nasce cosa”, quindi incrociamo le dita auspicando che sia la volta buona!
Voto: 10

 

2) La notizia: “Alfonso Conte e Paolo Bobbio sono i nuovi Amministratori Unici di Amag Reti Idriche e Amag Reti Gas”.
Paolo Bobbio lo conosco solo tramite gli organi di informazione, e ne ho sempre letto positivamente. Alfonso Conte invece ho avuto modo di conoscerlo personalmente negli anni trascorsi all’interno dei Comitati ed Associazioni di cittadini di cui faccio parte. Ne ho un buon ricordo nel suo ruolo di Presidente della Circoscrizione Nord di Alessandria. Ci ha sempre dato spazio con il rispetto dovuto ai cittadini con ruoli civici organizzati e apartitici, non ci ha mai chiesto di che parte eravamo simpatizzanti politicamente. Ci ha messo sempre in una posizione alla pari, ci ha ascoltati e ha condiviso argomenti e richieste nel nome del bene pubblico. Persona gentile, affidabile e pacata, mai un tono forte, sempre con un sorriso anche di fronte alle nostre irruenze verbali. Mi fa piacere ritrovarlo alla guida di un’azienda del Gruppo AMAG, sono certa che farà un buon lavoro e che sarà certamente apprezzato dai dipendenti di AMAG Reti Idriche. Questa pagella dimostra che se un politico lascia nel suo impegno pubblico un buon ricordo, passassero anche molti anni, il cittadino non dimentica. Bentornato ad Alfonso Conte e buon lavoro a Paolo Bobbio.
Voto: 9

 

3) Altra buona notizia: le tre ATC – Agenzie per la casa del Piemonte (Nord, Sud e Area metropolitana di Torino) hanno rinnovato i rispettivi vertici. Si attendeva questa notizia di cambiamento dopo la vicenda della situazione del palazzo ATC, via Volturno e via Verona (sito nel complesso della sede ATC sito in piazza Santo Stefano), dove è stato effettuato solo qualche minimo intervento, e solo dopo che le “sentinelle” di “Svegliati Alessandria – Alessandria Città dei Vigili del Fuoco)” per mesi hanno filmato, filmato, fotografato, segnalato la situazione di degrado igienico/sanitario e pericolo per i residenti assegnatari degli appartamenti. Tutt’ora persiste un problema non di poco conto che causa pericolo personale, spaventa bimbi e minaccia. Finalmente un vertice nuovo per ATC sud (Alessandria – Asti- Cuneo), che si spera prenda in mano questa situazione e abbia volontà e forza per normalizzarla.
I nuovi amministratori ATC Piemonte sud sono: Presidente Paolo Caviglia – Vice Presidente: Marco Buttieri Mario Canova Consigliere – Barbara Beatrice Bovone Consigliere – Ambrogio Garzino Consigliere. Tre i cuneesi, ossia i saviglianesi Marco Buttieri e Ambrogio Garzino; il terzo è l’albese Mario Canova. Gli altri due sono alessandrini, ossia il Presidente Paolo Caviglia e Barbara Beatrice Bovone. Priva di rappresentanti è stata la provincia di Asti, ma sono certa che all’astigiano altre presidenze saranno assegnate in altri ambiti. A questi signori segnalo che siamo in molti con la lente di ingrandimento puntata su di loro, e su quello che dovrebbe essere il primo impegno: riportare davvero la sicurezza negli immobili sopra indicati.
Voto: 7