Stefano Ricagno nuovo Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Alessandria

Rinnovo delle cariche del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Alessandria: è Stefano Ricagno il nuovo Presidente per il triennio 2019/2022, eletto il 23 maggio durante l’Assemblea annuale 2019 del Gruppo. Stefano Ricagno succede in carica a Simone Zerbinati che ha concluso il suo mandato triennale.

Stefano Ricagno, imprenditore di Acqui Terme, 39 anni, è laureato in Viticoltura ed Enologia presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Torino. Ricopre incarichi professionali: è Amministratore unico dell’azienda di famiglia Tenuta Ca’ dei mandorli Srl operante nel settore agroturistico/alberghiero, ed è Operations Manager dell’azienda vinicola Cuvage Srl di Acqui Terme.

L’assemblea dei Giovani Imprenditori ha nominato anche il nuovo Consiglio Direttivo del Gruppo per il prossimo triennio. I Consiglieri sono: Danilo Arfini (Mi.Va.) di Valenza; Alice Baldon (Fast Covering Systems) di Alessandria; Andrea Bariggi (Collino e C.) di Acqui Terme; Tommaso Bazzi (Bazzi & Partners) di Casale Monferrato; Simone Deregibus (Dimtech) di Serralunga di Crea; Valeria Emanuelli (Impresa Emanuelli) di Quargnento; Angelo Gemma (Ida) di San Giuliano Nuovo – Alessandria; Miriam Manassero (Al.Va) di Casale Monferrato; Vittorio Miglietta (Euromac) di Villanova Monferrato; Michela Zerrilli (Lizea) di Acqui Terme. Invitato permanente: Simone Zerbinati (Past President).

L’assemblea del Gruppo Giovani, che conta 40 iscritti fino ai quarant’anni d’età, si è svolta ad Alessandria presso la sede di Confindustria. E’ intervenuto Maurizio Miglietta, Presidente di Confindustria Alessandria.

Nel suo intervento all’assemblea Simone Zerbinati ha ricordato le tappe principali dell’attività del Gruppo Giovani nell’ultimo triennio caratterizzate in particolare dall’impegno dedicato all’Education e ad iniziative rivolte ai giovani del Gruppo per sviluppare le loro competenze e capacità imprenditoriali. “Abbiamo lavorato a fianco delle scuole e delle Università – ha spiegato Zerbinati – e abbiamo potuto confrontarci con il mondo aziendale ed industriale non solo della nostra provincia ma anche con valide realtà nazionali”.

Il convegno “Identità, innovazione e internazionalizzazione delle imprese familiari”

Simone Zerbinati ha poi introdotto il convegno “Identità, innovazione e internazionalizzazione delle imprese familiari” organizzato in occasione dell’assemblea annuale. “Il tema del nostro convegno – ha commentato Zerbinati – intende sottolineare l’importanza dell’internazionalizzazione per accrescere la competitività delle nostre imprese sui mercati globali e per promuovere il Made in Italy d’eccellenza come elemento di sviluppo della nostra economia”.

Sono intervenuti i fratelli Leonardo e Francesco Vena, Amministratori Delegati di “Lucano 1894 Srl – Gruppo Lucano”, che con la relazione“Lucano, una storia tra tradizione e innovazione” hanno portato una significativa testimonianza aziendale.
I relatori hanno illustrato la storia di “Lucano 1894” che dal 1894 è sintesi di tradizione e innovazione, un’azienda familiare che si è evoluta negli anni, diventando uno dei più importanti gruppi nazionali nella produzione e commercializzazione degli spirits, guidato oggi da Leonardo e Francesco Vena, quarta generazione della famiglia alla conduzione dell’azienda.
Lucano ha saputo conciliare la propria crescita industriale sul mercato nazionale ed internazionale conservando un forte legame con il territorio, testimoniato dalle tante attività e iniziative realizzate negli anni in Basilicata, e in particolare l’inaugurazione di Essenza Lucano, uno spazio multisensoriale e interattivo nel cuore di Pisticci Scalo che ripercorre la storia dell’azienda e di Amaro Lucano, della famiglia Vena e del territorio, la Lucania, dove ancora l’azienda ha lo stabilimento produttivo.

Da sempre particolarmente attiva in ambito marketing e comunicazione (pensiamo alle storiche campagne anni ’90 e allo storico payoff “Cosa vuoi di più dalla vita?” che rimane un caposaldo della comunicazione del brand ancora oggi) l’azienda dedica il 15% del fatturato complessivo alle attività di marketing, strategia che ha attestato Amaro Lucano tra i brand leader nel suo segmento, primo per top of mind e con un’awareness totale che sfiora il 96%.

Con una intensa attività di brand building, da azienda monomercato, oggi Lucano è presente in 15 Paesi nel mondo e in particolare Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti e Canada, con lo sfidante obiettivo di arrivare al 20% di vendite realizzate all’estero sul fatturato annuale complessivo. Per raggiungere questo traguardo, l’azienda ha deciso di investire nella presenza sul territorio tramite distributori specializzati, sales promoter e resident area manager, oltre che in attività di marketing attraverso eventi, masterclass e partecipando alle più importanti fiere internazionali di settore.