Sabrina Gonzales Pasterski

print

E allora, come la mettiamo sig. Tycoon dal ciuffo arancione, dal cognome che si scrive con la U ma si legge con la A, ma tuttavia nel pronunciarlo bisogna per forza evocare un rumore intestinale molesto?

Questa ragazza americana è di origini cubane, quindi figlia di emigrati sbarcati probabilmente sulle coste della Florida dopo aver perso tutto tranne la speranza. Porta due cognomi, quello del padre e quello della madre, come tutti i neolatini americani di origine spagnola. Probabilmente la prima lingua che ha parlato non è stato nemmeno il castigliano puro, ma lo spagnolo caraibico, sensibilmente diverso specialmente nella pronuncia e contaminato da molte influenze locali ereditate dai popoli originari caraibici.

E’ la studentessa dottoranda in fisica più preparata e geniale, al punto che la sua Università le ha concesso il privilegio, unico nel suo genere (tenuto conto che è pure donna e in un certo senso per molti ancora ad un gradino inferiore) di essere libera di studiare come vuole, senza dipendere dai professori. La consacrazione delle sue straordinarie capacità è avvenuta anche grazie ai riconoscimenti di tutti gli accademici di fisica, a cominciare dall’astrofisico britannico Stephen Hawking, recentemente scomparso.

I suoi docenti al Massachusetts Institute of Technology già quando era una sconosciuta studentessa avevano detto che il suo potenziale intellettivo andava oltre ogni immaginazione.
Ebbene se dobbiamo guardare alle sue origini, dare peso alla razza ed alle culture di provenienza, poco o nulla coincide con i desiderata dei suprematisti americani, per non parlare di quelli che sono dichiaratamente neo-.nazisti, che tutti insieme condizionano molto con il loro voto le decisioni muscolose del loro amato Presidente. I due cognomi della ragazza danno indicazioni inequivocabili: Gonzales chiaramente spagnolo, Pasterski non sappiamo ma sembra polacco, russo o comunque dell’Est Europa e quindi non appartenente alla razza pura anglo-americana. Anche l’aspetto fisico della ragazza è molto diverso dai canoni tipici americani.

Penso che per i divoratori di hot-dog, di carni infarcite di salcicce e di salse untuose sia arrivato il momento di fare qualche seria riflessione perché con il loro culo pesante potranno restare aggrappati alla bandiera a stelle e strisce ma il loro futuro è in serio pericolo, a causa della concorrenza di immigrati che spingono sempre di più.

Luigi Timo – Castelceriolo