La Cà d’Elisa? Ün bancomàt per i gestùr ma dla crivéla per chi ch’ l’auriva na mòn? [Lissòndria tra Tani e Burmia]

di Piero Archenti

 

 

La nutisia l’è ans’i giurnal lucal: ëndëš richiedenti asilo fra i 18 e 20 anni, pruveniént dal Senegal, Mali e Nigeria, uspità ant “La cà d’Eliša” ad Abazia di Masio, da témp i sarreivu lasà da sùl, con na scarsa susisténsa, nientemeno che da st’invèrn, ant’na cà šgangheraja.

Poc da mangè, él pù del vòti gnònca cumestibìl, no vistì, nò scòla cmè anvéci l’è previst dal prugrama ‘d scularišasiòn per l’inseriment ant’la nostra sucietà.

Gavà ‘l quèrcc dal vaš ad Pandora, sciudì a Abazia di Masio, u sa squata cmé cu seja facìl gratè au Stat, che pò a suma tücc nujatér, i famùš 35 euro au dì pro capite destinà, ant’ist caš, al susténtamént d’ij’ëndëš richiedenti asilo, semplicemént gratònda cul che a lur l’era destinà.

La nutissia la fà nént’atér che bitè an ciàr la facilità con cui is grön el peja na strà traversa lasònda i legitim destinatari con scars sustentamént muràl e materiàl, ant in Paiš scunzì sensa esi an grado ‘d capì la lengua.

Onsi, si 35 euro, ‘mé ch’l’è previšt dal sitema Sprar ( evidentemént šmentià ant’in casët), i duivu servi onchessèi per la lùr scularišasiòn (lengua cumpréiša) oltre al famuš “pocket monej” che ‘l varia da 1 euro a 2,50 euro au dì a seconda dla lucalità ‘d destinasiòn.

Ant’él caš dl’Abasia ‘d Mašio, u sméja che ij’déisu gnònca di past decént fügürti ‘l “pocket monej”! Adès la “Cà d’Elisa” l’è stacia saraja an seguit al lamentéli denunciaj dai fanciòt e la Prefettura ‘d Lisòndria l’hà facc an manéra ‘d dèi ün’atra sistemassiòn.

 

Pidrèn, l’anvud del magnòn d’ij’Ort

 

 

 

 

La Casa di Elisa? Un bancomat per i gestori ma un incubo per chi chiedeva aiuto?

La notizia è sui giornali locali: undici richiedenti asilo fra i 18 e i 20 anni, provenienti dal Senegal, Mali e Nigeria, ospiti de “La casa di Elisa” ad Abazia di Masio, da tempo sarebbero stati lasciati soli, con una scarsissima sussistenza, addirittura da quest’inverno, in una palazzina fatiscente.

Scarsi i generi alimentari, spesso neppure commestibili, no vestiario, no scuola come invece è previsto dal programma di scolarizzazione per l’inserimento nella nostra società.

Scoperchiato così il vaso di Pandora, emerso ad Abazia di Masio, si scopre quanto sia facile sottrarre allo Stato, e quindi a tutti noi, i famosi 35 euro al giorno pro capite destinati, in questo caso, al sostentamento degli undici richiedenti asilo, semplicemente gestendo in modo quantomeno discutibile quanto a loro destinato.

La notizia non fa altro che mettere in chiaro la facilità con cui quei denari cambiano destinazione lasciando i legittimi destinatari con scarso sostentamento, morale e materiale, in un Paese a loro sconosciuto del quale non conoscono neppure la lingua.

Anzi, quei 35 euro, come previsto dal sistema Sprar (evidentemente scordato in un cassetto), avrebbero dovuto essere destinati anche alla loro scolarizzazione (lingua compresa) oltre al famoso “pocket monej” che varia da 1 euro a 2,50 euro al giorno a seconda della località in cui sono inseriti.

Nel caso di Abazia di Masio, pare non dessero neppure pasti decenti figuriamoci il “pocket monej”!

Ora la “Casa d’Elisa” è stata chiusa in seguito alle lamentele denunciate dai ragazzi e la Prefettura di Alessandria ha fatto in modo di offrire loro un’altra sistemazione,

 

Piero Archenti