Na vota l’era cunzì cme Palasi Rus, per tücc adès l’è Palasi Rùt [Lissòndria tra Tani e Burmia]

Deleghi smentiai-j, Ispetùr fantasma e 'l Bursalén an serca d'ün gestur, e nujatér...spiciuma![ Lissòndria tra Tani e Burmia] CorriereAldi Piero Archenti

 

Parlè dla cundisiòn edilisia del Municipi ‘d Lisòndria, l’è cmé sparè an sla cruš rusa! L’è basta andè ant’la sala pü raprešentativa ‘d Palasi Rus, la Sala Giunta per dì, quòndi e sübit dòp na sbrensà d’acqua e u spetacùl che us prešenta dadnòn a ij’oggdel višitatùr a l’è na interminabìl sequensa ‘d sidél e sidlén, sbardlà chi e là, con l’incaric d’argoj él pü pusibìl dl’aqua che Giove Pluvo, nostér malgrado, um regala sensa ecunumia.

A l’era l’agust du 2016 che u s’era dicc che finalmént el gròn (750 mila euro) l’era rivà ma ch’l’era necessari fè ‘l prugèt esecutiv prima ‘d decidi a chi dè l’apalt di travaj.

Ansuma, doi ani dòp, u 2018 tòn per dì, a suma ancura punto a capo, onsi ancura a ijuma da decidi andò bitè la gru per dè ‘l via aj travaj.

L’è véira che ist’aministrassiòn l’ha bità ‘l cü ans’èl cadrighén ant’èl giügn du 2017, ma l’è onchessei veira che i lisandrén i-j’hòn ešaurì la pasiensa ‘d spicè che i peju corp él tònt prumësi eleturàl armasti, ahimè, šmentiaj ant’ün fantastic libi per sugnadùr.

Ma ‘nlura, cmé cu dziva Bartali, “l’è tüt šbaglià, l’è tüt da rifè?” Onchesej suchì u sarreiva uari giüst ant’j cunfrònt ad chi, propi a partì dal méiš ad giügn 2017, u s’è dacc ün gròn dafè per serchè ‘d manténi dricc u timòn per purtè la barca a destinasiòn.

Am riferiss a doj asesùr an particulàr, cul ai Travaj püblic (Giovanni Barosini) e cul al Pulitichi suciàl (Piervittorio Ciccaglioni), tücc e dòi difatti, con u so travaj ‘d püblic relassiòn ij’hön rišolt dèl situasiòn che ij’avreisu prubabilmént purtà la barca chissà ‘ndònda.

Adèss però, Palasi Rùss el pò pù spicè, col so müraj scausinaj e periculònti (prima ‘d tùt an via dla Vitoria), u so tëcc crivlà che na vòta o l’atra u sarà dichiarà periculònt dal tònti infiltrasssiòn!

Um tucherrà rivè al punto che a pudruma pü turnè andrera, cmé ch’l’è capità al Palagiustissia ‘d Bari, e cunvuché la Gionta suta ‘n tendòn an piasa dla Libertà opüramént u Sendic el péjerrà finalmént an mòn la situassiòn?

Cuca dën el pudreiva cuntestèm e dìm:” Se téj acsì brav trova té la solusiòn”.

L’è veira, a sòn nénta an grado ‘d sfè is grup ma, crispuli, a sòn nénta mé u Sendic ad Lisòndria ma Cuttica di Revigliasco!

 

Pidrén, l’anvud del magnòn d’ij’Ort

 

 

 

 

Una volta era noto come Palazzo Rosso, per tutti ora è Palazzo Rotto

Parlare della condizione edilizia del Municipio di Alessandria è come sparare sulla croce rossa! Basta recarsi nella sala più rappresentativa di Palazzo Rosso, la Sala Giunta per l’appunto, durante e dopo uno scroscio di pioggia e lo spettacolo che si presenta agli occhi del visitatore è una interminabile sequenza di secchi e seccchielli, collocati quà e là, incaricati di raccogliere quanto più possibile la messe che Giove Pluvio, nostro malgrado, ci gratifica in abbondanza.

Nell’agosto 2016 si era detto che finalmente i soldi (750 mila euro) erano arrivati ma che era nessario redigere il progetto esecutivo prima di decidere a chi affidare l’appalto.dei lavori.

Insomma, due anni dopo, il 2018 apunto, siamo ncora punto a capo, anzi ancora ci si chiede dove collocare la gru per dare il via ai lavori.

E’ vero che questa amministrazione ha depositato le natiche sul seggiolino nel giugno 2017, ma è anche vero che gli alessandrini non hanno più la pazienza di aspettare che si avverino le tante promesse elettorali rimaste, ahimè, relegate in un aleatorio libro per sognatori.

Ma allora, come diceva Bartali, “l’è tutto sbagliato, l’è tutto da rifare?” Anche questo sarebbe ingiusto nei confronti di chi, a partire proprio dal mese di giugno 2017, non ha affatto lesinato i suoi sforzi per cercare di mantenere il timone al centro per portare la barca in porto.

Mi riferisco a due assessori in particolare, quello ai Lavori pubblici (Giovanni Barosini) e quello alle Politiche sociali (Piervittorio Ciccaglioni), entrambi infatti, con il loro incessante lavoro di pubbliche relazioni hanno risolto situazioni che avrebbero probabilmente portato la barca chissà dove!

Ora però, Palazzo Rosso non può più attendere oltre, con i suoi muri sbrecciati e pericolanti (soprattutto su via della Vittoria), il suo tetto sforacchiato che prima o poi sarà reso pericolante dalle molteplici infiltrazioni!

Dobbiamo arrivare al punto di non ritorno, come accaduto al Palagiustizia di Bari, e convocare la Giunta sotto un tendone in piazza della Libertà oppure il Sindaco prenderà finalmente in mano la situazione?

Qualcuno potrebbe contestarmi e dire:”Se sei così bravo suggerisci tu la soluzione”.

E’ vero, non ho nulla da suggerire ma, perbacco, non sono io il Sindaco di Alessandria ma Cuttica di Revigliasco!

Piero Archenti