Finalmént la Sitadéla, spiciònda el parchegi Berlinguer ma col nargiasi ans’èl fiù… mòngia PM10 [Lissòndria tra Tani e Burmia]

Deleghi smentiai-j, Ispetùr fantasma e 'l Bursalén an serca d'ün gestur, e nujatér...spiciuma![ Lissòndria tra Tani e Burmia] CorriereAldi Piero Archenti

 

Finalmént, dal 14 mars, l’è uperativa ant’la la Sitadéla ‘d Lisòndria la sede dla Suvrintendensa ai Beni Culturali ‘d tüt él bàss Piemònt, astigiòn e cuneeiš cumpréiš.

Piasaja al prim piòn dla ex caserma Pasubio, la Suprintendensa la dividerà la palasen-na con la sede del FAI che anveci la cuntinuerà a stè al piòn tèra.

Con i 25 miliòn bütà a dispušisiòn da u Stat e i 2,5 – 3 miliòn stansià da la Regiòn Piemònt (i duvivu ési 7,5 da la Regiòn ma Cuttica l’hà ciamà e utnì ‘d drubén an pò ònchessei per recuperè la Ceša ‘d San Francesco e dl’èx Uspidàl Militàr), e i quaši 4 miliòn purtà an dote, per divèrs mutiv, da la Suprindendensa, la sarà la vòta bòn-na per dè ‘l via ai travaj per bütè an sücürësa la Sitadéla.

I travaj pü urgént i sòn cui per bütè an sücürësa i doi scavalcafòs indispensabìl per entrè da la Porta Real e da la Porta d’Asti o porta Sucurs, sea ij’ën-na che l’atra indispensabìl per cunsenti ‘l pasagi di camiòn di Vigìl del Fò, e nénta anmà lùr.

Ma cul che Cuttica u serca d’uténi ant’èl curs du sò mandato (ch’l’anténd nénta arnuvè – n.d.r.), l’è onchessej u ripristino di culegamént feruviari da e per Milòn, con tèmp ad percurénsa ridùt a 60 minüt, an sta manéra is druberreivu ‘l porti ‘d Lisòndria a chi ch’u travaja a Milòn, sempér pü carestiuša per bütè sü cà.

Atèr prublema ch’u specia d’esi rišolt, l’è ‘l parchegi Berlinguer, decišamént periculuš per la permanénsa ‘d sugèt uari racumandabil sea da u dì che, prima ‘d tüt, ad nòcc. Ma adés, nutisia dl’ültima ura, se ‘l “Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo l’hà finalmént bütà a bilancio ‘l gròn necessari, u sarà ‘n grado ‘d bütèj onchessej el Cumën ‘d Lisòndria? Difatti adès l’è propi anmà Palasi Rus che u dév tirè fora ‘l gron per l’instalasiòn del suspiraij telecameri e lampadén-ni.

Per finì, du paroli, onchessej prèl fiurieri “mòngia puvi PM10”, bütaij a titul sperimentàl an centro.

Pù o meno cmé la pavimentassiòn, onchessej lé reališaja an centro, ch’la duiva ciüciè el puvi PM10. Tücc i sòn ‘mé ch’l’è finija con l’Aministrassìön, cioè tücc nujatér; ebèn l’ha pagà sensa fiajè.

L’ünic vantagi, sta vòta, a l’è che ònchessej se us féisa ün atèr bògg ant’l’aqua con statra sperimentassiòn, per lo meno èl fiurieri i farròn méja d’ dišastèr…almeno a speruma!

Pidrèn, l’anvud del magnòn d’ij’Ort.

 

 

Finalmente la Cittadella, aspettando il parcheggio Berlinguer ma con le narici fra i fiori…

mangiapolveri PM10

 

Finalmente, dal 14 marzo, è operativa nella Cittadella di Alessandria la sede della Soprintendenza ai Beni culturali di tutto il Basso Piemonte, astigiano e cuneese compresi.

Installata al primo piano della ex caserma Pasubio, la Soprintendenza dividerà la palazzina con la sede del FAI che invece continuerà ad occupare il piano terra.

Con i 25 milioni messi a disposizione dallo Stato e i 2,5/3 milioni stanziati dalla Regione Piemonte (dovevano essere 7,5 provenienti dalla Regione ma Cuttica avrebbe chiesto e ottenuto di impiegarne un pò anche nel recupero della Chiesa di San Francesco e dell’ex Ospedale Militare), e i quasi 4 milioni portati in dote, a vario titolo, dalla Soprintendenza, questa volta si potranno iniziare i lavori per mettere in sicurezza la Cittadella.

Le opere più urgenti sono comunque quelle che riguardano la messa in sicurezza dei due ponticelli che consentono l’accesso alla Porta Reale e alla Porta Asti o Porta Soccorso, entrambe indispensabili per permettere l’intervento anche dei mezzi pesanti dei Vigili del Fuoco e non solo.

Ma quello che Cuttica cerca di ottenere, nel corso del suo mandato (che non intende rinnovare – n.d.r.), è anche il ripristino dei collegamenti ferroviari da e per Milano con tempi di percorenza ridotti a 60 minuti, il che potrebbe aprire le porte di Alessandria a chi opera a Milano, sempre più cara per metter su casa.

Altro problema tutt’ora irrisolto, il parcheggio Berlinguer, decisamente pericoloso per la permanenza di soggetti poco raccomandabili sia di giorno che, soprattutto, di notte. Poiché, notizia dell’ultima ora, se il ‘Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo’ ha finalmente messo a bilancio i soldi necessari, sarà in grado di metterli anche il Comune di Alessandria? Infatti ora spetta soltanto a Palazzo Rosso farvi fronte con l’installazione delle tanto sospirate telecamere e luci.

Due parole infine, anche per le fioriere “mangiapolveri PM10”, collocate a titolo sperimentale in alcune strade del centro.

Più o meno come la pavimentazione, anch’essa realizzata in centro, che avrebbero anch’èsse dovuto assorbire le famigerate polveri PM10. Tutti sappiamo com’è finita, ossia, con un salasso per l’Amministrazione, e quindi di tutti noi contribuenti.

L’unico vantaggio, questa volta, consiste nel fatto che qualora andasse buca anche questa sperimentazione per lo meno le fioriere non provocheranno danno alcuno…almeno si spera!

Piero Archenti