Impedire le discariche Tav non serve a niente senza la bonifica Solvay

print

La coerenza di un individuo o di una associazione è un valore in sé. Perciò, in prossimità delle assemblee a Spinetta Marengo e Cristo e della manifestazione davanti al Municipio di Alessandria, Medicina democratica ribadisce in termini che siano inequivocabili le proprie posizioni. In sintesi.

L’inquinamento per amianto-schiumogeni, dagli scavi Tav Terzo Valico fin dentro le cave-discariche “Clara e buona” nel Cristo e “Bolla” e “Guarasca” in Spinetta, sarà-sarebbe per la Fraschetta appena una goccia in più nell’oceano della falda già inquinata dalla Solvay (cromo esavalente altri 21 veleni tossico cancerogeni). Impedire che questa goccia si aggiunga, impedire le discariche servirà-servirebbe a niente se non si attua la bonifica sotto il polo chimico chiesta anche da Ispra-Ministero dell’Ambiente: togliendo il milione di metri cubi sotterrati che continuerebbero in eterno a percolare in falda.

Chiedere alla sindaco di cancellare l’autorizzazione alle discariche non serve a niente se Rossa sta barattando la bonifica con il ponte sul Bormida. Semmai sarebbero più efficaci le dimissioni dell’assessore all’ambiente Claudio Lombardi per affermare: 1) la salute della Fraschetta si salva solo se si avvia un bonifica vera invece della fasulla e collusa con le istituzioni pubbliche; 2) la vera bonifica, complessa e costosissima, si può fare solo promuovendo un garante Comitato scientifico internazionale; 3) il Comitato va inserito nell’ambito del rivendicato Osservatorio ambientale della Fraschetta; 4) di concerto con la rivendicata Indagine epidemiologica della Fraschetta.

Infine OK alla manifestazione di protesta del 23 maggio davanti al Municipio, però sarebbe ancora più utile partecipare il 25 maggio all’udienza in Corte di Assise che sta concludendo il processo Solvay, la cui sentenza è fondamentale per la bonifica e i 4 punti strategici suddetti. Insomma, che la lotta contro le tre discariche non sia per togliere dall’occhio la pagliuzza piuttosto che la trave.

Lino Balza – Medicina democratica Alessandria