“Mi candido alle primarie comunali novesi”

print

Ho presentato su stimolo degli amici di Fratelli d’Italia e di molti cittadini Novesi, la mia candidatura alle primarie di Centrodestra organizzate dal Comitato per l’Alternativa Novese. Già allo scorso Giugno, in occasione dell’incontro pubblico che riunì tutte le forze alternative alla sinistra presso la Biblioteca, fui il più fervente sostenitore di questo fondamentale principio di partecipazione democratica, lanciando un appello che ha trovato nei fatti l’adesione di Avanti Novi e di Alfare ma che mi auguro possa essere presto accolto anche da altre forze.
Il mio invito va a tutto il Centrodestra come Forza Italia, Nuovo Centro Destra e Lega Nord e quei personaggi di primo piano, come Maria Rosa Porta in grado di raccogliere ampio consenso tra i Novesi.

Al di là delle accelerazioni individuali e non concordate la competizione è ancora aperta a chiunque ritenga che debbano essere i cittadini a scegliere il candidato Sindaco, evitando nomi imposti dai vecchi giochini di partito. Sono certo che i Novesi, così come tutti gli Italiani, vogliano riappropriarsi del diritto di scegliere la “persona” da cui farsi rappresentare, diritto del quale sembra vogliano ancora privarci con la nuova legge elettorale a livello nazionale. A livello locale verrà offerta ai cittadini la possibilità di scegliere, vedremo chi accetterà la sfida senza paura.

Io ho scelto di impegnarmi in prima persona, forte delle richieste di tutti coloro con i quali mi sono confrontato fino ad oggi e che sentono il bisogno di vedere facce nuove, con proposte concrete che tengano conto dei reali bisogni della Città e non delle necessità di pochi, ai quali poi dover mostrare riconoscenza a discapito dei cittadini. Chi oggi non accetta la sfida di costruire un percorso condiviso tra le forze politiche e civiche attraverso le primarie si fa carico di tutte le responsabilità politiche e storiche di un indebolimento della prospettiva di dare a Novi Ligure una alternativa di Centrodestra dopo decenni di malgoverno delle sinistre.

Enzo Baiardo – Novi Ligure