Consiglio di Stato: i sòn stacc necesari 16 anni per n’abòrt an piena regula! [Lissòndria tra Tani e Burmia]

Cgil

Deleghi smentiai-j, Ispetùr fantasma e 'l Bursalén an serca d'ün gestur, e nujatér...spiciuma![ Lissòndria tra Tani e Burmia] CorriereAldi Piero Archenti

 

La Plenaria del Consiglio di Stato l’ha dichiarà: “Avèi anmà u diploma magistràl, onchesséi se ‘t l’hai pià ant’l’ani sculastic 2001-2002, l’è nénta a basta per essi anserì ant’el graduatòri ad ešaurimént del persunàl”.

Quatér paroli an cruš per dì: “i devi avéi pasiensa ma a partì da sà data (u 2002 per antendi) per pudéi mustrè al mašnà degli elementàr i duivi avéi la laurea!”.

E šà, ma adèss a suma ant’u 2018, e dal 2002 u ijè pasà cuc coša ‘cmé 16 ani, ‘mè ch’à la bitùma con cui che antònt i sòn pasà ‘d ruolo, e magari da ani i fòn ist’atività? Semplice (per lur), o tat peij na laurea o ‘t sarrai destinà a éssi retrucès e fè l’atività ‘d supplente per tüt la vità.

Per essi preciš, chi ch’l’è entrà con u diploma riferì a l’ani sculastic 2001-2002 ij’eru šà stacc pià con riserva, ma se ch’el vò dì “con riserva”?

Ün Stat ‘mé ch’u’s dév, da part di sò sitadén, u devij’esi ciar e nénta piè l’òndi cmé ‘l cani al vént, e pèr sulé, cui ch’it sòn servì fina ‘ancò, fònda con cunissijòn u travaij facc fina adèss, u ij’è anzën-na rišerva cla ten-na!

A lur ui specia d’essi pià an cunsiderasiòn per u travaij facc fina ‘ncò, per sulé i poru nénta tratèij cmé di strass bòn anmà per gavé la puvi dai bònc, o da la catedra drera la qual, magari per ani, i-jòn facc i-jën di travaij pù delicà: cul ‘d mustrè i prim rudimént al nòv generassiòn.

E pò, per piašì, us pò nénta piè prèl cù na categoria ‘d persòn-ni che da che mònd l’è mond, an magiurònsa, fina a ‘ncò l’ha facc u sò duvér dimustrònda d’essi an grado ‘d fè u travaij ch’i sòn stàcc ciamà a fè!

Se la laurea l’è l’ubietiv del Consiglio di Stato, benissim, piumli an cunsiderassiòn, ma dal prossim ani sculastic! La sanatoria la dèv ij-essi rivolta nénta tònt ant’i cunfrònt ad chi šà ‘l fà üs travaij ma, caso mai, a chi au dì d’ancò l’ha ancura la pusibilità ‘d cumpletè i curs ad stüdi necesari per mustrè ant’èl scòli materni.

Ist a l’è cul che tòncc i pensu per stà grama questiòn!

Pidrén, l’anvud del magnòn di-j’Ort

 

 

Consiglio di Stato: sono stati necessari 16 anni per un aborto in piena Piena solidarietà ai precari della scuola pubblica CorriereAlregola!

La Plenaria del Consiglio diStato, dopo 16 anni, si è così pronunciata: “Il possesso del solo diploma magistrale, sebbene conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002, non costituisce titolo sufficiente per l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento del personale”.

Quattro parole in croce per dire: “abbiate pazienza ma a partire da quella data (il 2002 appunto) per poter insegnare ai bambini delle elementari dovevate avere la laurea!”.

E già, ma ora siamo nel 2018, e dal 2002 sono trascorsi qualcosa come16 anni, come la mettiamo con chi nel frattemo è passato di ruolo, e magari da anni, già svolge quella attività? Semplice (per lor signori), o ti prendi una laurea o sarai destinato ad essere retrocesso e svolgere l’attività di supplente vita natural durante.

Per la verità, gli assunti con diploma riferito all’anno scolastico 2001-2002 erano già stati assunti con riserva, ma cosa significa “con riserva”?

Uno Stato degno di stima da parte dei suoi cittadini, deve essere chiaro e non ondivago come le canne al vento, per cui, per coloro che ti sono serviti fino ad oggi, svolgendo con profitto il lavoro fin quì svolto, non c’è riserva che tenga!

A loro spetta il riconoscimento per il lavoro svolto per cui non possono essere trattati come stracci buoni solo a spolverare i banchi o quella cattedra dietro la quale, magari per anni, hanno svolto uno dei lavori più delicati: quello di insegnare i primi rudimenti alle nuove generazioni.

E poi, per piacere, non si può bistrattare una categoria di persone che da sempre, nelle stragrande maggioranza, fino ad oggi ha insegnato dimostrando di essere all’altezza del lavoro che sono stati chiamati a svolgere!

Se la laurea è l’obiettivo del Consiglio di Stato, benissimo, lo si applichi, ma a partire dal prossimo anno scolastico! La sanatoria deve essere rivolta non tanto a chi già svolge quel lavoro ma, tutt’al più, a chi tut’oggi ha ancora la possibilità di completare il corso di studi necessari per svolgere l’attività di insegnante nelle scuole materne.

Questo è il pensiero di molti per questa vicenda farlocca!

Piero Archenti