MDP e Sinistra Italiana con Rita Rossa

Centro destra alessandrino 'ai ferri corti'. Cava: "non mi candido". Torna l'ipotesi 'grande coalizione'? CorriereAl 1Si è tenuta giovedì mattina, presso il foyer del Teatro Comunale, la presentazione del simbolo della lista “SINISTRA per Alessandria” che parteciperà alle elezioni comunali dell’11 giugno 2017 ed è promossa dalle compagne e dai compagni che fanno riferimento ad “Articolo Uno – Movimento dei Democratici Progressisti” e a “Sinistra Italiana – SEL” e che ha come candidato Sindaco Maria Rita Rossa.

La decisione di tenere la presentazione del simbolo presso il Teatro Comunale coincide con alcune delle ispirazioni di fondo della lista: il lavoro, la tutela dell’ambiente e la promozione della cultura. I rappresentanti di “SINISTRA per Alessandria”, si sono, infatti, principalmente impegnati, negli anni dell’attuale Consigliatura, nella difesa dell’occupazione e per i diritti dei lavoratori che è iniziata proprio con l’aver difeso il posto di lavoro dei dipendenti del Teatro nel momento in cui la Fondazione regionale veniva messa in liquidazione.

Analogamente si sono impegnati nel sostenere e portare avanti, con i dipendenti del TRA, la complessa bonifica del Teatro che era stato inquinato da amianto, riconsegnando alla città l’utilizzo del foyer e di alcune delle sale, ad iniziare dal rifacimento e la messa a norma della “Ferrero”.

L’impegno a favore dell’occupazione e della salvaguardia dei servizi pubblici cittadini, portato avanti insieme all’amministrazione comunale contestualmente al percorso di risanamento finanziario sono alla base della nostra scelta di sostenere la candidata sindaca uscente Rita Rossa.

Nei prossimi giorni sarà presentata la composizione della lista di “SINISTRA per Alessandria” che è in via di definizione.

 
Fabio Camillo, Renzo Penna
Consiglieri Comunali

5 Comments

  1. Scelta davvero curiosa, concordo. Non ero all’incontro giovedì mattina, ma del tema ho discusso in queste settimane con qualche esponente di sinistra. Non mi hanno convinto, vedremo se convinceranno gli elettori. A questo punto sono curioso di capire se le stesse forze alle prossime politiche (adducendo magari come giustificazione la legge elettorale) staranno col Pd di Renzi. Mah…realpolitik, per carità. Ma a quel punto ho sempre pensato che, tra l’originale e un surrogato, è meglio l’originale. Di questo passo, la crescita di un soggetto poltitico di sinistra ‘rilevante’ si allontana sempre più, man mano che ci riprovano.

    E. G.

  2. Dottor Grassano , Ella mi costringe ad essere ripetitivo e per l’ennesima volta cito WInston Churchill:”La sinistra parte ma non sa dove va,quando arriva non sa dov’è e tutto questo con i soldi degli altri”.

  3. Condivido,esimio Grassano,e sottolineo in particolare un’espressione da te ado
    perata:per carità.Involontariamente(?)geniale.

  4. Occhio a non fare la fine della lista “Progetto Torino” alleata di Fassino alle comunali torinesi dell’anno scorso che ha raggranellato il 2% con fior di assessori uscenti candidati. Lista antesignana della odierna scissione dei bersaniani, che alle prossime amministrative si presenta ovunque in tandem con il candidato PD, con innegabili perplessità degli elettori.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


cinque × quattro =